Riflessione di Anna Maria Campogrande

Una riflessione di Anna Maria Campogrande, Presidente di Athena, associazione per la difesa e la promozione delle lingue europee, a seguito di una serie di articoli pubblicati dal «Club della Libertà » sugli attacchi all’Italia e delle dichiarazioni dell’On. Raffaele Baldassarre, Membro del Parlamento Europeo, sulla questione del Brevetto Europeo.

Leggere prima sotto (articolo di Baldassarre) e poi, sopra (riflessione di Anna-Maria Campogrande).

De : Anna Maria Campogrande

Envoyé : mardi 19 juillet 2011 16:02
À : ‘Club della Libertà – Bruxelles’

Objet :
RE: Attacco all’Italia: tutti quelli che rovinano il nostro paese …

A mio parere, quelli che rovinano l’Italia sono tutti coloro, politici, giornalisti, funzionari dello Stato, responsabili della Pubblica Istruzione, di qualsiasi bordo politico che, ad opera degli occupanti, hanno subito il lavaggio del cervello ragion per cui non sanno più neanche immaginare un mondo senza l’inglese e non hanno la benché minima idea del ruolo che svolge la lingua in qualsiasi espressione dell’attività umana, prima fra tutte quella legata al pensiero, alla creatività, all’attività artistica e intellettuale nelle sue innumerevoli estrinsecazioni, non ultima quella che consiste a redigere testi normativi (vedere allegato).

L’Italia sta andando alla rovina, in tutti i sensi, perché ha accettato di adottare un modello economico e sociale in antitesi con i suoi valori e le sue specifiche, intrinseche, potenzialità e di promuovere, al dilà di ogni buon senso, una sola lingua, l’inglese, matrice e veicolo di questo modello, e una sola cultura quella del pensiero unico dominante. Questo modello culturale, economico e sociale, non calza con le realtà del nostro Paese, con le nostre naturali inclinazioni, con i nostri talenti, con le nostre tradizioni e con le nostre innate, autentiche, capacità anche e soprattutto quelle strettamente legate al territorio, alla sua posizione geografica, al suo patrimonio artistico e culturale, che sono tante e molteplici e che stiamo sperperando irresponsabilmente.

L’assurdo mito della crescita che non tiene conto del prezzo da far pagare ai cittadini più vulnerabili, le politiche di privatizzazione che sottraggono allo Stato prerogative e responsabilità istituzionali, l’arroganza dell’industria, delle multinazionali della produzione, delle élites mondiali dell’economia e della finanza e di coloro che rappresentano i loro interessi  mostrano molto chiaramente che la gestione dello Stato in Italia e in molti Paesi europei è sfuggito di mano a coloro che ci governano, senza alcuna distinzione tra destra e sinistra. Questa scelta fa sì che non è più il cittadino, l’essere umano, al centro dei programmi di Governo e dell’attività politica ma l’economia. Un’economia dominata dalla finanza, dalle speculazioni e dai giochi di potere che non dovrebbe avere spazio alcuno in Paesi di antica civiltà come l’Italia, la Grecia e gli altri Paesi d’Europa. Abbiamo smantellato e distrutto il nostro modello di formazione del cittadino che, con la Pubblica Istruzione, e indipendentemente dall’estrazione sociale, puntava alla formazione delle élites, intellettuali, politiche e amministrative, a partire dall’insieme dei cittadini in età scolastica, élites delle quali qualsiasi Paese al Mondo ha bisogno per esistere. Sotto la pressione di organizzazioni internazionali incompetenti a nostro riguardo, quanto a genio e identità, e orientate su un modello unico, abbiamo lasciato snaturare il nostro modello culturale, di educazione e di formazione, all’origine dell’immenso patrimonio artistico del nostro Paese, retaggio di millenni di convivenza su questo lembo di Terra benedetto da Dio che è l’Italia.  Con lo smantellamento e l’appiattimento della Pubblica Istruzione sul modello unico promosso dalle organizzazioni internazionali, oggi le scuole di élites sono solo per i figli dei ricchi. Abbiamo sacrificato il nostro modello sociale creando insicurezza e instabilità, inquinando l’humus nel quale affondano le radici della famiglia, abbiamo sbaragliato l’agricultura e l’artigianato, stiamo privatizzando tutto, stiamo trasformando tutti i nostri spazi in luoghi dove il materialismo regna sovrano, un Mondo invivibile.

L’Italia e l’Europa sono in uno stato di urgenza, quello di ricollocare al centro delle loro attività di governo il cittadino, i suoi valori, i suoi ideali, le sue necessità, il suo sviluppo armonioso sul piano umano, intellettuale e spirituale. L’Italia, in particolare, deve tagliare i ponti con i colonizzatori del pianeta e con certe organizzazioni internazionali che, sebbene nate con nobili obiettivi, si sono trasformate in pericolosi marchingegni.  L’Italia deve usare un’estrema prudenza e una grande oculatezza nell’accettare di partecipare alle costosissime  (in termini economici ed umani) “missioni di pace”, l’Italia deve tornare a dei sistemi economici rigorosamente controllabili, dal volto umano, al servizio dello Stato e del cittadino.

In particolare per quanto concerne le cosiddette “missioni di pace”, che squilibrano i bilanci dello Stato e rubano il pane alle famiglie e ai cittadini più vulnerabili, va detto e affermato con forza che la democrazia non può essere esportata con le bombe, i carri armati e le straggi di civili, la democrazia deve essere conquistata, a furor di popolo, in prima persona e sotto la loro esclusiva responsabilità, da coloro che ne sono i destinatari, in caso contrario, la sua messa in opera è un’impostura e non fa che creare Stati fantocci al servizio dei colonizzatori.

I cittadini italiani sono stufi di essere presi per degli stupidi e degli incompetenti. L’Italia ha e bisogno di una nuova e diversa classe politica, una classe politica non asservita allo straniero, alle sue scelte e ai suoi interessi, che prenda le distanze dalla cosiddetta “Comunità internazionale” e si occupi in priorità dei valori, delle risorse e degli interessi del nostro Paese e del popolo sovrano.

L’Italia ha bisogno di un nuovo Risorgimento.

Anna Maria Campogrande

************************************************************************************************************************************

Brevetto Ue, non di facile soluzione per l’Italia, ma per Raffaele Baldassare (PDL-PPE):

“Serve un brevetto che parli inglese e capisca le PMI”

Dopo l’avvio di una cooperazione rafforzata tra 25 Stati membri e il ricorso alla Corte di Giustizia da parte di Italia e Spagna, il dossier ‘brevetto unico’ approda al Parlamento europeo. La seconda camera politica dell’Ue ha cominciato l’iter legislativo il  21 giugno scorso – e lo proseguirà in settembre – con una prima discussione in commissione giuridica. Il pacchetto ‘brevetti’ comprende due proposte: una sulla protezione brevettuale unitaria e un’altra concernente le lingue di procedura. A seguito del parere negativo della Corte UE, la Commissione sta ancora lavorando su una soluzione alternativa per la creazione di un sistema unico per la risoluzione dei contenziosi.

“Sebbene la proposta attuale si basi sul trilinguismo (che l’Italia in ogni caso non può e non deve accettare), occorre orientarsi verso un sistema monolingua, basato sulla lingua inglese”. Questa l’opinione dell”On Raffaele Baldassarre, relatore della proposta di Regolamento sul regime linguistico per il Parlamento europeo. “Oltre a motivi legati alla riduzione dei costi e a una più facile tutela dei brevetti al di fuori del territorio dell’Unione, l’inglese è de facto la lingua che domina le relazioni commerciali internazionali e le attività di ricerca e sviluppo”.

“Oltre alla questione linguistica, è necessario facilitare l’accesso al mercato brevettuale da parte delle piccole e medie imprese”. Secondo Baldassarre, infatti, nonostante alcuni progressi, le PMI europee continuano a soffrire di una produttività inferiore rispetto alle loro omologhe negli USA e in altre economie emergenti. “In questa situazione, le PMI affrontano gravi carenze di mercato in settori chiave come il credito, la ricerca e l’innovazione”.  “Per favorire l’accesso delle ‘piccole’ al mercato dei brevetti saranno necessarie modifiche sostanziali alle proposte in discussione”, ha spiegato l’Onorevole salentino, “in particolare per quanto concerne i costi e le agevolazioni finanziarie”.

“Rispetto, infine, la decisione del Governo di ricorrere alla Corte Ue”, ha continuato Baldassarre. “Ciononostante, come dichiarato dal direttore generale di Confindustria Galli, una mancata partecipazione dell’Italia ai negoziati sul brevetto può comportare seri rischi per le nostre imprese e per l’intero sistema produttivo”. “In caso di mancata adesione alla cooperazione rafforzata, il governo in sede di Consiglio non avrà diritto di voto durante l’iter legislativo” ha precisato Baldassarre. “Se a ciò aggiungiamo che il Parlamento è solo ‘consultato’ sulla proposta concernente le lingue procedurali, il peso negoziale del nostro Paese sull’intero pacchetto legislativo rischia di essere pressoché nullo”. “A prescindere da ciò, ritengo che la promozione della lingua italiana debba essere svolta in altre sedi”, ha concluso l’eurodeputato PdL. “I dati d’altronde parlano chiaro: il novanta percento dei brevetti depositati da imprese italiane è già in lingua inglese!”

De : Club della Libertà – Bruxelles [mailto:cdl.bruxelles@telenet.be]
Envoyé : mardi 12 juillet 2011 0:34
À : Lista di diffusione del Club della Libertà di Bruxelles
Objet : Attacco all’Italia: tutti quelli che rovinano il nostro paese …

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in +ARCHIVIO GENERALE, Adesione al Proclama, Articoli, Giornalismo controcorrente, Linguistica italiana. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Riflessione di Anna Maria Campogrande

  1. Ottima la Riflessione di Anna Maria Campogrande, come risposta alle idiozie di Raffaele Baldassare ma io, alla fine avrei scelto non l’espressione “L’Italia ha bisogno di un nuovo Risorgimento” ma “L’Italia ha bisogno di un nuovo Rinascimento” perchè il primo ci è stato imposto (tra lacrime, sangue, tradimenti, stupri, furti, esecuzioni sommarie, guerra non dichiarata, espropri forzati, bugie), il secondo no.
    AlexFocus, Napoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...