Morti e distruzioni mirate …”umanitarie”

Libia: Morte e distruzione, l’obiettivo del “bombardamento umanitario”

del Prof. Michel Chossudovsky – Global Research

Il bombardamento di obiettivi civili

L’obiettivo non è quello di soccorrere i civili.

Tutto il contrario. Sia gli obiettivi militari che quelli civili sono stati pre-selezionati.

Le vittime civili sono intenzionali. Non sono il risultato di “danni collaterali”.

I primi rapporti confermano che ospedali, aeroporti civili ed edifici governativi sono stati bombardati.

Poche ore dopo gli attacchi aerei, un ufficiale sanitario del governo libico “ha detto  che il bilancio delle vittime del raid aereo occidentale, Domenica era salito a 64, dopo che alcuni dei feriti sono morti”. Il numero dei feriti era dell’ordine di 150. (Montreal Gazette, Gheddafi lancia una sfida mentre le forze alleate attaccano la Libia , 19 marzo 2011).

Il numero di morti derivanti da bombardamenti aerei e attacchi missilistici (24 marzo) è dell’ordine di 100 civili, secondo fonti del governo libico ( Il capo delle Nazioni Unite si aspetta che la  Comunità internazionale eviti vittime civili in Libia , 25 marzo 2011)

Disinformazione dei Media

Questi decessi dovuti a missili USA-NATO e ai bombardamenti aerei vengono smentiti o liquidati con nocuranza come «danno collaterale». Secondo il ministro degli Esteri britannico William Hague la moderna guerra umanitaria si traduce in morti civili, un’affermazione totalmente assurda:

“Questa operazione ha fatto quello che doveva fare, proteggere la popolazione civile della Libia, e non vi è alcuna evidenza confermata di vittime, vittime civili, causate dagli attacchi della coalizione al regime di Gheddafi,” (ministro degli Esteri britannico William Hague, Nessuna prova di vittime civili in attacchi alla Libia: UK | Reuters , 25 marzo 2011)

Il Segretario alla Difesa americano Robert Gates, conferma che “La coalizione sta facendo di tutto per evitare vittime civili e la maggior parte degli obiettivi sono obiettivi della difesa aerea isolati dalle aree popolate”. ( L’Occidente sta cercando di evitare morti civili libici: Robert Gates – World – DNA , 22 marzo 2011)

L’obiettivo della campagna di disinformazione dei media è di offuscare sfacciatamente la perdita di vite di civili. I resoconti dei media occidentali sulle vittime sono pesantemente manipolati. I missili Tomahawk e i bombardamenti aerei sono accolti come strumenti di pace e di democrazia. Essi non provocano morti tra i civili.

Senza la disinformazione dei media, la legittimità delle operazioni militari sotto la Responsabilità di Proteggere sarebbe crollata come un castello di carte.

Diverse centinaia di persone si riuniscono a un funerale. Quest’ultimo viene liquidato come propaganda di Gheddafi.

Il funerale è ‘falso”, secondo i rapporti occidentali. Si presenta come un evento organizzato.
Secondo le parole di un rapporto: “Gli uomini pregano per le persone uccise in attacchi aerei, ma il contenuto di queste bare rimane poco chiaro. ( in discussione le vittime civili  al funerale di Tripoli – WSJ.com , 24 marzo 2011, in Libia, le bare contengono un mistero , SMH, 26 marzo 2011).

Bombardamento umanitario e Responsabilità di Proteggere (R2P)

Lo scopo di questi bombardamenti è quello di distruggere le istituzioni del paese, la sua base produttiva. Si chiama “bombardamento umanitario”. Viene giustificato secondo il concetto di “Responsabilità di Proteggere” (R2P). Impianti di generazione di energia, ponti, strade, ospedali, stazioni TV, edifici pubblici, fabbriche, sono individuati come obiettivi strategici.

Fonti libiche (non confermate) riferiscono che due ospedali e una clinica medica sono stati bombardati:

L’ospedale di Al-Tajura è stato colpito come il Saladin Hospital di Ain Zara. Anche la clinica bombardata era situata nelle vicinanze di Tripoli, la capitale libica. Queste non solo erano strutture civili, ma erano anche tutte lontane dalla zona di combattimento.

Strutture aeree civili in tutta la Libia sono state attaccate. (Mahdi Darius Nazemroaya, Breaking News: Ospedali libici attaccati. Fonte libica: tre jet francesi abbattuti , Global Research, 19 marzo 2011)

Nel caso degli ospedali, le bombe intelligenti sono estremamente precise. Il ministero degli Esteri russo ha accusato l’alleanza militare occidentale di condurre una campagna di bombardamenti indiscriminati. (Metro – Russia: Stop ai bombardamenti ‘indiscriminati’ sulla Libia , 19 marzo 2011)

Immancabilmente i media occidentali affermano che le forze di Gheddafi stanno bombardando gli ospedali del Paese, senza elementi di prova.

Ci sono indicazioni che gli ospedali sono inclusi nella lista degli obiettivi. Ai jets da combattimento canadesi CF-18 sono stati assegnati specifici obiettivi civili da bombardare. I piloti hanno deciso di rientrare alla base senza attaccare il loro obiettivo pre-selezionato, identificato come un campo d’aviazione. Secondo le notizie di stampa, il target selezionato era vicino ad un ospedale: “Lawson ha detto che il rischio non era collegato ad una minaccia per i CF-18, ma piuttosto al potenziale danno alla popolazione civile o ad importanti infrastrutture a terra come gli ospedali” (Calgary-Piloti canadesi interrompono i bombardamenti per evitare rischi ai civili – CTV News , 23 marzo 2011, enfasi aggiunta)

L’opinione pubblica viene invogliata ad approvare incondizionatamente un nuovo teatro di guerra in Nord Africa. La cosiddetta comunità internazionale è riuscita attraverso la propaganda dei media a costruire un consenso.

La Responsabilità di Proteggere è stata approvata dalle organizzazioni della società civile e dalle ONG. Molti settori della sinistra progressista stanno sostenendo i bombardamenti alla Libia come un mezzo per instaurare la democrazia, senza neppure analizzare la natura e la composizione della ribellione.

Coloro che parlano contro la “no fly zone” della NATO e degli USA sono bollati semplicemente come “apologisti di Gheddafi”.

Il modello jugoslavo di “bombardamento umanitario”

Il bombardamento umanitario è parte di un processo storico. E ‘integrato nella pianificazione militare.

Il “bombardamento umanitario” libico è parte integrante della strategia militare, che consiste nel distruggere le infrastrutture civili del paese. E’ modellato su precedenti tentativi di bombardamento umanitario, incluso il bombardamento della Jugoslavia nel 1999 e la campagna militare contro l’Iraq nel 2003.

Quando la Jugoslavia è stata bombardata nel 1999, ponti, centrali elettriche, scuole e ospedali sono stati identificati come “legittimi bersagli militari” selezionati dal Combined Air Operations Centre (CAOC) della NATO a Vicenza, in Italia e attentamente “convalidati prima  che il pilota lanciasse il suo attacco.” La stessa procedura viene applicata in Libia: obiettivi militari e civili vengono convalidati in anticipo. Il pilota non sempre è informato circa l’esatta natura del bersaglio.

Nel 1999, l’ospedale dei bambini che si trova nella zona delle ambasciate è stato oggetto di attacchi aerei. Era stato individuato dai pianificatori militari come un obiettivo strategico.

La NATO riconobbe di averlo fatto, ma per “salvare le vite” dei nuovi nati, non bersagliarono la sezione dell’ospedale dove vivevano i bambini, invece presero di mira l’edificio che ospitava il generatore di elettricità, il che significava niente più elettricità per le incubatrici, il che significava che tutto l’ospedale fu distrutto e molti dei bambini morirono.

Ho visitato quell’ospedale, un anno dopo l’attentato nel giugno del 2000 e ho visto con i miei occhi come hanno agito con la massima precisione. Questi sono crimini di guerra con l’uso della più avanzata tecnologia militare. Le cosiddette “bombe intelligenti”.

In Jugoslavia, il bersaglio fu l’economia: ospedali, aeroporti, edifici pubblici, fabbriche, infrastrutture, per non parlare di chiese del 17° secolo e il patrimonio storico e culturale del paese.

L’obiettivo diabolico di innescare una catastrofe ambientale nel bacino del Danubio fu studiato a tavolino. La NATO prese di mira il vicino stabilimento petrolchimico di Pancevo, Belgrado. L’obiettivo non era solo disattivare l’impianto, ma anche innescare una catastrofe ambientale. Come hanno fatto?

“Una termocamera da un satellite spia o da un aeromobile è in grado di rilevare la radiazione infrarossa emessa da qualsiasi oggetto situato sull’impianto petrolchimico e di convertire le rilevazioni in un video ad alta risoluzione o in una foto istantanea. … Secondo le parole di un portavoce del Pentagono, l’U2 “scatta una foto da  una quota molto alta, la rimanda indietro, con un processo che noi chiamiamo reach back, agli Stati dove viene analizzata molto rapidamente”. E da lì, “i riferimenti corretti del bersaglio” vengono trasmessi al CAOC di Vicenza che poi “li passa alle persone nella cabina di pilotaggio”.

Le “bombe intelligenti” non erano stupide ma andavano dove dicevano loro di andare. La NATO aveva scrupolosamente individuato le cisterne, i contenitori e i serbatoi che contenevano ancora sostanze tossiche. Secondo il direttore dell’impianto petrolchimico, la NATO non ha colpito un solo contenitore vuoto: “Non è stato un fatto accidentale; ha scelto di colpire quelli che erano pieni e le sostanze chimiche si sono riversate nel canale che porta al Danubio”. … Quando le bombe intelligenti colpirono i loro bersagli letali a Pancevo (vedi foto sotto), liquidi nocivi e fumi furono rilasciati in atmosfera, nell’acqua e nel suolo. “Più di mille tonnellate di dicloroetano versato dal complesso petrolchimico Pancevo nel Danubio, attraverso il canale che collega l’impianto al fiume. Più di mille tonnellate di idrossido di sodio sono fuoriuscite dal complesso petrolchimico Pancevo. Circa 1.000 tonnellate di acido cloridrico fuoriuscite dal Pancevo si sono riversate nel Danubio “(Michel Chossudovsky, La NATO ha deliberatamente innescato una catastrofe ambientale In Jugoslavia , Global Research, 11 aprile 2004)

Una bomba “intelligente” ha colpito il contenitore con una precisione perfetta. (Complesso petrolchimico Pancevo (© Michel Chossudovsky, marzo 2000)

Il contenitore a destra è stato mirato dalla NATO, perché era pieno di VCM altamente cancerogeno (© Michel Chossudovsky, marzo 2000)

Vedi Michel Chossudovsky, La NATO ha deliberatamente scatenato una catastrofe ambientale in Jugoslavia , Global Research, 11 aprile 2004

Fonte: Global Research 25 Marzo 2011


Traduzione: Dakota Jones

http://ilupidieinstein.blogspot.com/2011/03/libia-morte-e-distruzione-l-del.html
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in +ARCHIVIO GENERALE, Articoli, Crimini Contro l'Umanità, Crimini di Guerra, VIDEO. Contrassegna il permalink.